Search

COMMETTE IL REATO DI TENTATA VIOLENZA SESSUALE CHI NON RISPETTA IL RIFIUTO DEL CONIUGE

Recentemente, la Corte di Cassazione si è trovata a pronunciarsi sulla spinosa questione della sussistenza del reato di violenza sessuale tra coniugi.

La pronuncia analizza il reato e dl'istituto del tentativo, ma fa trasparire alcune considerazioni che sono spia di un allarmante retaggio culturale .

Ma andiamo con ordine.

Fino alla fine degli anni '90, nel nostro cordinamento coesistevano i reati di libidine violenta e quello di congiunzione carnale violenta.

Il discrimen, tra le due fattispecie, era proprio l'avvenuta penetrazione della vittima. Ciò però sottoponeva la persona offesa ad un continuo esame di quanto accaduto

Nel 1996 si scelse quindi di unificare i reati in un'unica fattispecie.

Quanto ne è uscito è, tuttavia, piuttosto vago, in quanto punisce chi compie atti sessuali.

La giurisprudenza ha avuto un notevole compito nell'andare a definire cosa e quali siano gli atti sessuali.

Una definizione universalmente riconosciuta è che sia atto sessuale ogni comportamento che incida sulla libertà sessuale di un soggetto .

La definizione, dunque, comprende un novero di condotte ben più ampia del solo stupro, a differenza di quanto comunemente ritenuto.

Ma cosa accade quando la sfera sessuale violata e' quella del coniuge?

La Cassazione (Sez. III, n. 46051 del 11.10.2018) si e' recentemente pronunciata su questo particolare caso.

In un passo della sentenza, tuttavia, si scorge un'espressione quantomai singolare.

La Corte afferma infatti che il matrimonio non fa sorgere alcun diritto potestativo in capo ad un coniuge.

Dovrebber far alzare ben piu' di un sopracciglio il fatto che, nel 2018, la Corte di Cassazione si sia presa la premura non solo di analizzare correttamente gli istituti, ma anche di ribadire un simile concetto culturale che speravamo fosse ormai ben dimenticato.

E, invece, la Corte e' intervenuta per qualificare il fatto come una tentata violenza sessuale, specificando che il legame coniugale non e' mai, in alcun modo, idoneo a giustificare qualsiasi pretesa sull'altro coniuge in campo sessuale.




20 views0 comments