Search

SPESE SOSTENUTE DURANTE LA CONVIVENZA: HO DIRITTO ALLA RESTITUZIONE?


Un tema frequente riguarda la regolamentazione del rapporto di convivenza e, soprattutto, di cosa accade quando questo si interrompa.

Se, infatti, da una parte è sempre vero che non esiste una procedura che regoli i rapporti tra gli ex conviventi, è pur sempre vero che quanto questi ricadono nell'alveo delle determinazioni economiche si fa riferimento, in generale, alle regole del diritto civile.

E, dunque, in maniera sostanzialmente costante la giurisprudenza ha affermato che il convivente che abbia sostenuto spese per l'acquisto di mobili e ristrutturazione dell'immobile comune abbia il diritto al ristoro delle stesse.

Da ultimo, tuttavia, si ravvisa un leggero correttivo di detto principio, in quanto recenti pronunce (ex pluribus ord. 18721 del 01 luglio 2021) non hanno riconosciuto il diritto all'indennizzo al convivente che aveva sostenuto le spese per ristrutturare l'immobile dell'ex compagna.

Sia la Corte d'Appello che la Cassazione, infatti, qualificato le prestazioni effettuate dal compagno come obbligazioni naturali, trovando esse giustificazione nei doveri di carattere morale e civile di solidarietà e di reciproca assistenza nei confronti della partner e della figlia e non travalicando i limiti di proporzionalità e di adeguatezza rispetto ai mezzi di cui l'adempiente disponeva e all'interesse da soddisfare.

Dunque, è stata fatta una interpretazione estensiva di ciò che è il dovere di contribuzione alla vita famigliare previsto per i coniugi, estendendolo anche alle coppie more uxorio

14 views0 comments