Search

TRIPADVISOR:QUALI TUTELE PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI


Il mondo del web ed i sociali hanno fatto in modo che chiunque possa, nel modo più disparato, esprimere la propria opinione. Sulla scorta di ciò, hanno proliferato social dedicati a recensire i servizi più vari da parte degli utenti stessi. Il più famoso, TRIPADVISOR, e' ben noto ad alberghi, ristoranti e bar. L'idea iniziale era ottima: i clienti di queste tipologie di strutture potevano commentare la propria esperienza. Ovviamente, questo mezzo e' stato presto abusato da chi ha trovato modo per sfogare le proprie frustrazioni o per fare concorrenza sleale. Vediamo dunque quali sono gli strumenti di tutela per chi viene attaccato da una recensione feroce, veritiera o meno. Nel caso del citato TRIPADVISOR, va premesso che la presenza della struttura non può essere rimossa: viene infatti concepito come un blog di viaggiatori e il titolare del l'esercizio non ha discrezione su di esso. Va poi detto che il diritto di critica e' costituzionalmente riconosciuto e tutelato. Una recensione negativa può dunque essere una espressione del diritto di critica. E però, va anche detto che anche il diritto di critica incontra dei limiti: purché infatti questo sia valido, occorre che le espressioni utilizzate siano rispettose e, comunque, non denigratorie. Diverso discorso va affrontato riguardo recensioni negative totalmente inventate. In questo caso, occorrerà nuovamente differenziare. Qualora infatti l'identità del recensore sia nota, o facilmente individuabile, il titolare del l'esercizio potrà procedere con una denuncia per diffamazione, portando le idonee prove a supportare la falsità della recensione. Diversamente, dovrà chiedere ala società di gestione del sito di intervenire. Va quindi detto che la società di gestione può essere chiamata in co-responsabilità, in sede di richiesta di risarcimento danni, in determinate ipotesi. Infatti, il soggetto leso dalla diffamazione dovrà, in primis, chiedere alla società di gestione di eliminare il commento diffamatorio. Qualora questa non adempia, diverrà anch'essa responsabile e potrà essere chiamata al risarcimento dei danni. Sicuramente si tratta di un campo del diritto di nuova generazione e di interessante evoluzione.

53 views0 comments